SUPERBONUS 110% e altre detrazioni fiscali collegate all’edilizia

08 settembre 2020

 

Gentilissimi Clienti,

 

come già anticipato in precedenti circolari il governo al fine di migliorare il patrimonio immobiliare e aiutare la ripresa nel comparto dell’edilizia ha concesso nel periodo 01/07/2020-31/12/2021 il superbonus 110% e la possibilità di godere delle detrazioni fiscali per lavori edilizi anche mediante sconto in fattura e cessione del credito d’imposta a terzi.

E’ chiaro ed evidente che si tratta di una misura complessa che necessita dell’asseverazione dei professionisti tecnici e del visto di conformità del commercialista i quali rispondono verso l’Agenzia delle Entrate di eventuali attestazioni e/o visti di conformità errati.

L’Agenzia delle Entrate ha già emanato una guida di 150 pagine per spiegare la norma a tutti, ma per gli addetti ai lavori è necessaria un’analisi anche relativa allo sconto in fattura per i lavori edilizi nonché alla cedibilità del credito del fornitore che ha concesso lo sconto in fattura.

Riteniamo comunque che per i lavori più importanti possono essere utili riunioni operative fra i tecnici, i fornitori ed i commercialisti per valutare, fra le varie possibilità esistenti quelle migliori possibili caso per caso.

Alleghiamo quindi alla presente una circolare sintetica ma completa che spiega il superbonus e le possibilità di sconto in fattura o cessione:

Importante è il fatto che possono essere ceduti alla banca i crediti d’imposta a cui ha diritto il cliente sia dai clienti terzi che dai fornitori (sono anche previsti due anticipi  sulla base di stati di avanzamento asseverati, il primo al 30% dei lavori ed il secondo al 60% dei lavori).

Alleghiamo anche delle utili schede riepilogative per le altre detrazioni edilizie in quanto anche per queste detrazioni è possibile la cessione del credito d’imposta come pagamento al fornitore e dal fornitore alla banca.

Inoltre quando non è possibile il Supebonus oppure in aggiunta al Superbonus sono alternative interessanti l’ECOBONUS e il SISMABONUS e nonché il 90% per rifacimento facciate.

Per le aziende ristrutturatrici una buona opportunità può essere quella di acquisire interi fabbricati da ristrutturare e/o ricostruire procedendo al miglioramento sismico di due classi oppure al miglioramento energetico e poi cedere le unità immobiliari entro 18 mesi dalla ristrutturazione in questo caso spettano le seguenti agevolazioni:

1) acquisto del fabbricato con imposta di registro, ipotecaria e catastale fissa (€ 600,00)

2) possibilità di usufruire della detrazione del 65% o del 50% (calcolata su ogni unità immobilare di € 96.000 per ogni abitazione) sia in compensazione con l’IRES dovuta dalla società oppure è possibile cedere il credito alla banca oppure infine cedere il credito all’acquirente.

Restiamo a disposizione per ogni eventuale chiarimento e Vi ricordiamo che il nostro studio è già abilitato a rilasciare il visto di conformità.

Cordiali saluti.

 

                                                                       STUDIO ROGAI & PARTNERS STP SRL

 

APPROFONDIMENTI V.LINK 

1) CIRCOLARE 64

2) Approfondimento 1

3) Approfondimenti 2

 

 

Archivio news

 

News dello studio

apr2

02/04/2022

ASSICURAZIONE INAIL LAVORATORI AUTONOMI SPETTACOLO

L’articolo 66 comma 4 del Decreto Legge 25 maggio 2021 numero 73 (convertito in Legge 23 luglio 2021 numero 106) dal titolo “Disposizioni urgenti in tema di previdenza e assistenza nel settore

mar18

18/03/2022

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Il bonus pubblicità è stato introdotto per dare sostegno alle imprese del settore dell’editoria e della pubblicità in generale che nel corso degli ultimi anni stanno affrontando

mar11

11/03/2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

La rivalutazione di terreni e partecipazioni, prorogata più volte nel corso dell'ultimo ventennio, non era stata riproposta dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2021), tuttavia, grazie al DL