Il "nuovo" Patent Box

19 gennaio 2022

Il “nuovo” Patent Box

Il Patent Box, è un’agevolazione fiscale, che consiste in un risparmio di imposta correlato allo sfruttamento di beni giuridicamente tutelati. Questo tipo di agevolazione ha subito varie modifiche nel corso del tempo e in questa news cercheremo di capire quali sono le novità introdotte dalla legge di Bilancio 2022 e quali sono le questioni ancora da chiarire.  

 

La Vecchia disciplina

Il Patent box ha subito diversi “cambi di rotta” nel corso del tempo.

La disposizione contenuta nel Dl n. 146/2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 21 ottobre 2021, in vigore dal 22 ottobre 2021, ha introdotto un vero e proprio “giro di boa”, dal momento che la struttura della misura agevolativa è risultata completamente rivoluzionata.

Infatti, prima di questa variazione che è stata poi regolamentata definitivamente nella legge di bilancio 2022, prevedeva che l’agevolazione fiscale venisse determinata (molto sinteticamente) applicando una variazione fiscale in diminuzione del 50% dell’imponibile generato dai redditi derivanti da:

  • software,
  • brevetti,
  • marchi d’impresa,
  •  disegni, modelli e informazioni giuridicamente tutelabili.

La procedura prevedeva, prima del Decreto Crescita del 2019, un c.d. “Ruling” con l’Agenzia delle Entrate, dove sostanzialmente veniva preventivamente trovato un accordo sul metodo di determinazione dell’imponibile agevolabile.

 

Con il Decreto Crescita è stata successivamente prevista la possibilità per i contribuenti di calcolare in autonomia il beneficio fiscale, usufruendone in tre esercizi anziché completamente nell’anno d’imposta.

 

Le novità introdotte dalla legge di Bilancio

L’articolo 6 del Dl n. 146/2021 (di seguito anche Decreto Fiscale), nella sua formulazione originaria, consentivadi maggiorare del 90% l’ammontare deducibile dei costi di ricerca e sviluppo sostenuti dai soggetti titolari di reddito d’impresa in relazione ai seguenti beni:

  • software protetto da copyright;
  • brevetti industriali;
  • disegni e modelli;
  • processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili;
  • marchi d’impresa.

Il risparmio d’imposta derivante dall’agevolazione introdotta dal Decreto Fiscale, in presenza di un’aliquota d’imposta complessiva (Ires e Irap) del 27,9%, era pari al 25,11% dei costi sostenuti.

L’agevolazione è applicabile  a condizione che il soggetto svolga attività di ricerca e sviluppo finalizzata alla creazione e allo sviluppo di beni intangibili usati (direttamente o indirettamente) nello svolgimento dell’ attività d’impresa. L’attività di ricerca e sviluppo può anche non essere svolta direttamente dal soggetto ma per il tramite di contratti di ricerca stipulati con università, enti di ricerca e organismi equiparati o società “non correlate” (direttamente o indirettamente) al soggetto che richiede l’agevolazione.

 

La legge di Bilancio è intervenuta  sotto un duplice profilo: la maggiorazione dei costi di ricerca e sviluppo sostenuti passa dal 90% al 110% e il paniere di beni agevolabili è stato ridotto  ai seguenti:

  • software protetto da copyright;
  • brevetti industriali;
  • disegni e modelli.

 

Pertanto è stato operato un incremento dell’agevolazione a fronte però di una riduzione dei beni agevolabili.

 

E’ importante sottolineare che il metodo di calcolo e altri aspetti pratici, saranno definiti da un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Con riferimento ai costi agevolabili,  è, tuttavia, presumibile che si tratterà dei costi che erano agevolabili nel vecchio Patent Box.

 

Preme sottolineare che, la legge di Bilancio,  sopprimendo il comma 9 dell’articolo 6 di tale decreto, ha eliminato il divieto di cumulare tale agevolazione con il tax credit R&S..

 

Non appena saranno  disponibili  novità in materia provvederemo a pubblicare ulteriori aggiornamenti.

 

 

Lorenzo Rogai

Dottore Commercialista Revisore Legale dei Conti

 

Per qualsiasi altra informazione vi invitiamo a rivolgervi alla Rogai & Partners stp S.r.l

Archivio news

 

News dello studio

apr2

02/04/2022

ASSICURAZIONE INAIL LAVORATORI AUTONOMI SPETTACOLO

L’articolo 66 comma 4 del Decreto Legge 25 maggio 2021 numero 73 (convertito in Legge 23 luglio 2021 numero 106) dal titolo “Disposizioni urgenti in tema di previdenza e assistenza nel settore

mar18

18/03/2022

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Il bonus pubblicità è stato introdotto per dare sostegno alle imprese del settore dell’editoria e della pubblicità in generale che nel corso degli ultimi anni stanno affrontando

mar11

11/03/2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

La rivalutazione di terreni e partecipazioni, prorogata più volte nel corso dell'ultimo ventennio, non era stata riproposta dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2021), tuttavia, grazie al DL

News

ott5

05/10/2022

Distribuzione di riserve in sospensione d'imposta se liberamente disponibili

La distribuzione di riserve in sospensione

ott5

05/10/2022

Cassa integrazione: chiarimenti su compilazione Uniemens

Nel messaggio, n. 3649 del 2022, l’INPS