Legge di bilancio 2022: la proroga del credito R&S - Innovazione tecnologia – Design e ideazione estetica

26 gennaio 2022

Legge di bilancio 2022: la proroga del credito R&S - Innovazione tecnologia – Design e ideazione estetica

La legge di Bilancio 2022, pubblicata nella G.U. 31 dicembre 2021, n. 310 – Suppl. Ordinario n. 49, ha prorogato e rimodulato il credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, in innovazione tecnologica, in innovazione tecnologica 4.0 e in design e ideazione estetica. 

R&S

Le attività di R&S comprendono la ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico o tecnologico[1]. I costi relativi a tali attività sono agevolabili in misura pari al 20% dei costi fino a € 4 milioni per il 2022 e 10% dei costi fino a € 5 milioni dal 2023 al 2031. 

Innovazione tecnologica

Le attività di innovazione tecnologica sono quelle finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati[2]. I costi sono agevolabili in misura pari al 10% dei costi fino a € 2 milioni per gli anni 2022 - 2023 e in misura pari al 5% dei costi fino a € 2 milioni per gli anni 2024 - 2025. 

Innovazione tecnologica 4.0

Le attività di innovazione tecnologica 4.0 sono quelle finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0. I costi relativi a tali attività sono agevolabili in misura pari al 15% dei costi fino a € 2 milioni per 2022, in misura pari al 10% dei costi fino a € 4 milioni per il 2023 e in misura pari al 5% dei costi fino a 4 milioni per gli anni 2024 - 2025. 

Design e ideazione estetica

Le attività di design e ideazione estetica sono quelle finalizzate ad innovare in modo significativo i prodotti dell’impresa sul piano della forma e di altri elementi non tecnici o funzionali.  I costi sono agevolabili in misura pari al 10% dei costi fino a € 2 milioni per gli anni 2022 - 2023 e pari al 5% dei costi fino a € 2 milioni per gli anni 2024 - 2025.

 

Per poter fruire dei crediti d’imposta sopra descritti, sono previsti alcuni adempimenti obbligatori:

 1)     Il sostenimento delle spese e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile dell’impresa devono risultare da apposita certificazione rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti. Per le società non obbligate alla revisione legale dei conti, le spese per la certificazione contabile sono riconosciute in aumento del credito d’imposta per un importo non superiore a € 5.000.

2)     Redazione e conservazione di una relazione tecnica che illustri le finalità, i contenuti e i risultati delle attività ammissibili svolte in ciascun periodo d’imposta in relazione ai progetti in corso di realizzazione. Tale relazione deve essere predisposta dal responsabile aziendale delle attività ammissibili o dal responsabile del singolo progetto e deve essere controfirmata dal rappresentante legale dell’impresa.

 

L’utilizzo del credito può avvenire esclusivamente in compensazione, in 3 quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione e solo in caso di adempimento degli obblighi di certificazione. 

 

Altro aspetto di notevole importanza è che il credito d’imposta non è soggetto ai limiti di utilizzo annuale dei crediti d’imposta da quadro RU, pari a € 250.000 (art. 1, c. 53 L. 244/2007) e al generale limite di compensazione nel mod. F24, pari a € 2.000.000 (art. 34 L. 388/2000).

 

Preme, infine, sottolineare che il beneficio è cumulabile con altre agevolazioni sui medesimi costi ammissibili, entro i limiti del costo totale. Tuttavia, al fine di evitare indebiti benefici dovuti al cumulo, la base di calcolo del credito, sulla quale si applicano le percentuali previste, è assunta al netto di altri contributi a qualunque titolo ricevuti per le stesse spese ammissibili (tra cui anche il nuovo Patent box).

 

 Artur Michal Moch

Dottore Commercialista

 

Per qualsiasi altra informazione vi invitiamo a rivolgervi alla Rogai & Partners stp S.r.l  Per scaricare il pdf clicca qui

 

Archivio news

 

News dello studio

apr2

02/04/2022

ASSICURAZIONE INAIL LAVORATORI AUTONOMI SPETTACOLO

L’articolo 66 comma 4 del Decreto Legge 25 maggio 2021 numero 73 (convertito in Legge 23 luglio 2021 numero 106) dal titolo “Disposizioni urgenti in tema di previdenza e assistenza nel settore

mar18

18/03/2022

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Il bonus pubblicità è stato introdotto per dare sostegno alle imprese del settore dell’editoria e della pubblicità in generale che nel corso degli ultimi anni stanno affrontando

mar11

11/03/2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

La rivalutazione di terreni e partecipazioni, prorogata più volte nel corso dell'ultimo ventennio, non era stata riproposta dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2021), tuttavia, grazie al DL

News

dic2

02/12/2022

Revisori Enti Locali: lo schema del parere sulla proposta di bilancio di previsione 2023-2025

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti

dic9

09/12/2022

Saldo IMU 2022: le regole da applicare caso per caso

La normativa IMU riserva una casistica

dic9

09/12/2022

Fondo nuove competenze: presentazione delle domande dal 13 dicembre

Dal 13 dicembre e fino al 28 febbraio 2023