Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

11 marzo 2022

La rivalutazione di terreni e partecipazioni, prorogata più volte nel corso dell'ultimo ventennio, non era stata riproposta dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2021), tuttavia, grazie al DL Energia è stata concessa anche per il 2022 la possibilità di rideterminare i valori di acquisto delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e dei terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti alla data del 1° gennaio 2022.

La disposizione in questione, permette a persone fisiche, società semplici, enti non commerciali e soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia di rivalutare il costo o valore di acquisto delle partecipazioni non quotate possedute al di fuori del regime d'impresa, affrancando in tutto o in parte le plusvalenze conseguite.

Novità di non poco conto è l’incremento dell’aliquota dell’imposta sostitutiva che passa dall’11% prevista dalla previgente disciplina al 14% dell’attuale, da applicare sull'intero valore di perizia.

Il versamento dell'imposta dovrà essere effettuato, come previsto all'articolo 2 comma 2 del dl 282/2002, in un'unica soluzione entro il 15 giugno 2022 oppure in tre rate annuali di pari importo a decorrere sempre dalla data del 15 giugno 2022. Nel caso di pagamento rateale gli interessi ammontano al 3% annuo sulle rate successive alla prima.

La rivalutazione si perfeziona solo con il pagamento dell'intera imposta sostitutiva o, in caso di pagamento rateale, con il versamento della prima rata, pertanto nel caso di versamento dell'intero importo o della prima rata oltre il predetto termine, la rivalutazione non può considerarsi perfezionata e il contribuente non potrà utilizzare il valore rideterminato al fine di determinare l'eventuale plusvalenza, fermo restando la possibilità di poter chiedere a rimborso quanto versato.

Ai fini della validità della rivalutazione, è necessario che il maggior valore sia attestato da una perizia giurata con data anteriore al 15 giugno 2022.

Con riferimento ai costi sostenuti per le operazioni peritali riferite alla rivalutazione delle partecipazioni, sono deducibili dalla società se l'incarico è stato rilasciato dalla stessa. Altrimenti, se la relazione giurata di stima è predisposta per conto dei titolari delle partecipazioni la relativa spesa è portata in aumento del valore di acquisto della partecipazione in proporzione al costo effettivamente sostenuto da ciascuno dei possessori. Per quanto riguarda i possessori di terreni il costo per la relazione giurata di stima è portato in aumento del valore di acquisto.

 

Artur Michal Moch

 

Dottore Commercialista                                    

                                                                   Contattaci

 

Per qualsiasi altra informazione vi invitiamo a rivolgervi alla Rogai & Partners stp S.r.l

www.studiorogai.it

 

Archivio news

 

News dello studio

apr2

02/04/2022

ASSICURAZIONE INAIL LAVORATORI AUTONOMI SPETTACOLO

L’articolo 66 comma 4 del Decreto Legge 25 maggio 2021 numero 73 (convertito in Legge 23 luglio 2021 numero 106) dal titolo “Disposizioni urgenti in tema di previdenza e assistenza nel settore

mar18

18/03/2022

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Bonus pubblicità 2022: dal 1° marzo alla fine dello stesso mese l’invio delle domande

Il bonus pubblicità è stato introdotto per dare sostegno alle imprese del settore dell’editoria e della pubblicità in generale che nel corso degli ultimi anni stanno affrontando

mar11

11/03/2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

Rivalutazione terreni e partecipazioni: proroga anche per il 2022

La rivalutazione di terreni e partecipazioni, prorogata più volte nel corso dell'ultimo ventennio, non era stata riproposta dalla legge di bilancio 2022 (legge 234/2021), tuttavia, grazie al DL

News

ott5

05/10/2022

Distribuzione di riserve in sospensione d'imposta se liberamente disponibili

La distribuzione di riserve in sospensione

ott5

05/10/2022

Cassa integrazione: chiarimenti su compilazione Uniemens

Nel messaggio, n. 3649 del 2022, l’INPS